Update!

2018 il sito si aggiorna! Siamo passati all’https per garantirvi maggiore sicurezza e tranquillità nella navigazione. E non è tutto… stay tuned… 

Festa della Musica 2018 – Elena tu sei Live @Maschio Angioino

Festa della Musica 2018! Una magnifica notte di musica in vento estivo tra gli spalti del Maschio Angioino! Grandi band, bellissima musica e acustica splendida. Grazie a Claudio Cimmino per l’organizzazione. Plauso totale ai CHIODO FISSO che ci hanno fatto sobbalzare con il loro hard rock, ai bravissimi Capatosta, splendida realtà partenopea, ai grandi M76 – Emmesettantasei con il loro psicho rock d’autore e ai the Swarm con il loro killer Stone Rock! Grazie a tutti gli amici che sono venuti ad ascoltarci e a tutti i nuovi amici che abbiamo conosciuto in una notte di ottima musica sotto le stelle…

Un anno di Percoche!!

Un anno di Percoche

Un anno di PercochePOST CELEBRATIVO, UN ANNO!!! Ebbene si, questa scombinata band ha raggiunto un anno di vita! Tanti auguri a te, tanti auguri a te, tanti auguri a te!! Pitwine, Peachwine, Pitwaine, Pitweine, Peachween, siamo sempre noi a seconda che siamo a Roma, Sanremo, o Trento.Un anno di vita nel quale abbiamo raggiunto tanti di Voi e tanti di Voi hanno raggiunto noi, ascoltando la nostra musica, venendo alle nostre serate, facendo due chiacchiere, bevendo una birra o facendo baldoria. Se guardo alle spalle (è Lelio che parla) vedo tutti i risultati raggiunti e penso che siano tanti per “soli” 365 giorni: i nostri brani hanno raggiunto tutta l’Italia ricevendo apprezzamenti un pò ovunque (oddio qualche critica c’è stata pure eh, vivaddio!!), siamo passati in TV (quella cosa diversa che sembra un tablet ma molto più grande!!), sulla stampa stampata e non. Voi siete ben più di 700 che seguite questa pagina, il che significa che praticamente ogni giorno 2 di Voi ci hanno “piaciato” (si dice così?). Abbiamo suonato in diverse città d’Italia, siamo arrivati tra i 120 finalisti nazionali di Sanremo ROCK su una partenza di oltre 2000 band. Siamo comparsi sulla versione “stampata” di Classic Rock di novembre dell’anno scorso. Grazie a tutti gli amici che abbiamo conosciuto in quest’anno. Il pensiero va subito ai Turn Over ed agli M76 – Emmesettantasei con i quali la collaborazione, “la fucina di idee” è stata più intensa, ma va ugualmente a tutti gli altri che abbiamo avuto l’onore di conoscere. Abbiamo avuto l’onore di suonare per eventi dallo stampo sociale (penso a quello di Mensa Occupata) e, in ultimo, stasera, abbiamo avuto uno spazio ben più che consistente al Marcianise In Rock, Ora, al di la della validissima organizzazione (grande Antonio de Vivo), delle tantissime persone che ci hanno visto (facebook stasera mi segnalava che un bel pò di persone ci cercava su fb) live o in streaming e che hanno apprezzato (grazie a voi tutti!!), dicevo, quel che stasera, nelle nostre intenzioni, è stata una bella celebrazione è l’idea di spettacolo che abbiamo proposto. Il Progressive Rock, per come lo intendiamo noi, non è solo tempi dispari o belle voci, ma, soprattutto, fusione, commistione di generi e forme d’arte diverse. Stasera abbiamo fatto lo spettacolo che volevamo: stasera Musica, Poesia, Teatro, Visione ed Emozione si sono fusi. Stasera, grazie alla recitazione della bravissima attrice Tiziana T’irrito su composizioni del Poeta Lino Galieroabbiamo valorizzato ancor più la nostra idea di spettacolo. Purtroppo (o per fortuna) non intendiamo smettere e la nostra proposta è totalmente progressiva, cioè divenire, come lo fu quella della scena italiana degli anni 70, commistione, fusione, proiezione. Grazie.

Malaika – Live @Marcianise in Rock

Malaika. Malaika (angelo) è un brano musicale solare, allegro, in swahili, di larga diffusione popolare, l’equivalente, ad esempio, de “o sole mio”. Un giorno Il Corno, mi fece vedere un suo scatto fotografico, una donna africana di profilo. Era una giovane prostituta della Terra dei Fuochi. Guardava basso nel vuoto e, vuoi la fronte arrotondata, vuoi il naso leggermente verso l’alto, mi sembrò di vedere il Corno d’Africa, quella zona del centro Africa sull’Oceano Indiano. Pensai che forse stesse tornando con il pensiero e la fantasia al suo paese e che, come tutti quelli lontano da casa, cantasse in mente sua la sua “Malaika”, come gli emigranti partenopei in America cantavano “Santa Lucia Luntana”. La nostra Malaika, nakupenda Malaika (ti amo angelo) è più amara, è il ricordo di quel che non hai, di quella giovane schiava che, con tutta la dignità del mondo rimane in silenzio. Ma è anche riscatto: il nostro pezzo viene impreziosito dai versi di Lino Galiero recitati per l’occasione dall’attrice Tiziana T’irrito. Grazie.

Malaika (guardando una foto)

Sul tuo profilo vedo l’Africa
di terre e mari che ho
visto solo nei film al cinema
un bianco e nero retrò.

Deserti e set fatti in America,
Zebre di carta a uno show.
Colori finti e senza un’anima
che alla tua terra rubò.

Tu guardi il sole e vedi l’Africa
La terra a cui ti strappò,
quell’uomo a cui donasti l’anima
che al suolo la incatenò.

E nei tuoi sogni voli libera
Gioia il tuo viso sfiorò
Voci e profumi, rose ed erica
un canto a lei ti chiamò,

Oooh Malaika,
Nagupenda Malaika!
Oooh Malaika,
Nagupenda Malaika!

E un marciapiedi non è l’Africa
Ma scena di un fero show
Su un palco di benzina e musica,
C’è chi il tuo abbraccio comprò.

Non comprò invece la tua anima
La vita non è uno show
Io l’ho imparato da una lacrima
Impressa su una foto.

Oooh Malaika,
Nagupenda Malaika!
Oooh Malaika,
Nagupenda Malaika

Purziella (Nu Polece) Live @Marcianise in Rock

“Essenno na vota lu re d’Automonte” Così inizia la novella di Giovan Battista Basile contenuta nel Pentamerone del 1635. Purziella la figlia del Re è promessa in sposa ad un orco il cui merito è stato l’indovinare a quale animale appartenesse la pelle conciata appesa nella sua sala del trono. Si trattava di una pulce cresciuta dal Re, impazzito dopo un morso dell’animale, come un figlio e divenuta enorme, grossa come un bue. Solo alla fine la nostra eroina riuscirà a liberarsi dalla prigionia del mostro. Ne proponiamo una nostra versione immagine dell’autodeterminazione femminile di tutte quelle donne che, presa in mano la propria vita, riescono a spezzare le catene delle consuetudini, dei retaggi, dalle tradizioni quando queste ultime diventano prigionia. La versione che vi proponiamo è stata eseguita live presso il Marcianise In Rock del 6 luglio 2018.

Purziella (‘O polece d’o Re d’Automonte) Pitwine tutti i diritti riservati – 2018

I
Ce steva no Rre
Nun ce steva a Riggina
Ce steva na figlia
Na stella ‘e matina
Purziella ‘a cchiù bbella
d’e stelle ca stanno cca

II
Essenno na vota
Lo Rre d’Automonte
Ca fuje muzzecato
A no polece nfronte
Veleno mpazzette
“Purziella s’adda spusà”

I B
Crescette lo polece
Comme a no figlio
Cchiù gruosso e nu puorco
Facea meraviglia
Ma pazzo‘o accerette
“Mia figlia s’adda spusà”

III
Chiammaje tutti a corte
Dieci uommene e n’uorco
Appesa lo cuojero
De lo polece muorto
Chi dice che bestia sia chesta
Sa po’spusà.
II B
Nu gatto mammone,
nu lupo Cerviere
Ogniuno diceva na cosa a piacere
Ma l’uorco anduvina
“Purziella tu me ll’ja da”
I C
Povera me
Je so niente pe patemo o Rre
Priggiuniera de st’uorco
Me ra a magnà e muorte
Ca isso squarta pe mme.
II C
Oooh! So Purziella e dint’o bosco sto
Si quaccuno me sente
Mmiezo a sta ggente
Avesse pietà de me.
IV
Na vecchia segnora
Cu o bbene int’o core
Sentenno stu chianto
E Purziella d’incanto
Ce Jette e dicette
“Figlia mia t’aggia ajutà”
V
Tengo sette figlie
Ca so meraviglia
Maso Sente o viento
Nardo mare e sapone
Cola fa e rasure comme ogne e lione
III B
E Micco fa o bosco
Petrullo nu ciummo
Ascàdeo na torre cchiù auta d’o munno
Cu chesta putenza dimane te può salvà
III C
OOOOh So Purziella e aspettanno Je sto
Si me salva sta ggente
Tant’oro e argiento
Je certo lle darò.
IV C
Bene a mme
Si ripenzo a pateme o Rre
Pe nu police mpazzette
Na figlia perdette
Stanotte vola cu tte
VI
E dinto a la stanza
Qual falco e speranzia
Trasette nu figlio
E Je meraviglia
Venette a piglià
E nuje stevemo fore a lla
VII
Currenno a cavallo
Fujenno d’a valle
Ma ll’uorco dduje passe
Ce steva a ridosso
Sta femmena è a mia
Viva nun restarrà.
IVB
Cu e llame e cu ll’acqua
Cu e frecce cumbatte
A capa e chill’uorco
Cu e prete se schiatta
Purziella mo è libbera
E a casa essa po’ turnà
V C
Bene a mme
So a rigina d’o Regno d’o Rre
Chistu sanghe ca scorre
E’passione ca corre
Ma nisciuno a scigliuto pe mme
VI C
Ooh canto e ballo e cuntenta je sto
Chesta stella e matina
Turnata è Riggina
Nun è cchiù sola a figlia d’o RRe

Tu si’man (of action)

Piccolo estratto da “Tu si man (of action)” brano ultimo nato ed eseguito per la prima volta proprio al @Marcianise In Rock. Qualche piccolo inconveniente tecnico non toglie forza al neonato dedicato ai politici ed agli uomini di potere, uomini di azione (o di reazione) a seconda di cosa convenga al momento delle elezioni. Fluidi e pronti a schierarsi in ambo gli schieramenti purché possano prendere parte al burlesque di poltrone e sedie..

Tu si man – Pitwine Tutti i diritti riservati 2018

Metti, Rimetti e poi prometti
Nel tuo sorriso mistoseta blu
Quando tu sbagli ti dimetti
Ma tu non sbagli è solo un di più

You’re a man of action
You’re a man of action
Just a man of action
Tu si mmann of perfection

Nel tuo burlesque di fiori e ometti
Dalla tua sedia guidi la tribu
Una poltrona e due amichetti
Comandi il gioco della Tivu.

You’re a man of action
You’re a man of action
Damn a man of action
Tu si mmann of action

Passano gli anni e ti resetti
Ciò che tu hai detto non vale più
Ieri balletti oggi banchetti (e all’occorrenza banche)
Nel tuo sorriso mistoseta blu

You’re a man of action
You’re a man of reaction
Yes tu si mmann of reaction
Just a man of reaction

Marcianise in Rock 1a Edizione!

Marcianise in Rock
Locandina Marcianise in Rock

E la tre giorni del Marcianise In Rock si è conclusa. Abbiamo avuto il piacere e l’onore di condividere il palco con grandi band ma soprattutto di respirare l’aria di un vero Festival Rock a tutti gli effetti: decibel, chitarre, bassi, tastiere, batterie e voci che hanno urlato energia, energia, energia, e non, una volta tanto, problemi, problemi, problemi. Un plauso all’organizzatore Antonio de Vivo, un amico e un vero rocker: è il cantante dei Mothra band Metal di altissimo livello, per cui è qualcuno che ama ciò che fa fino in fondo. L’affluenza è stata tanta: il rock unisce le generazioni e trovavi il ragazzino che cantava i deep purple o i kiss vicino a quello più grande. C’è stato spazio per gruppi come i Lea Ercolani & the Black Rocket Soul che propongono rielaborazioni di cover con la classe che li contraddistingue (peccato per la pioggia), oppure per le tribute band ad altissimi livelli che hanno portato in scena grandi spettacoli: i Dressedto Kisstrib, i Tangerine, gli Stage, i Metal Militia, gli Shotgun Roses – Guns N’ Roses Tribute Band, oppure chi come noi, piuttosto che gli M76 – Emmesettantasei o i Miyagi Band Official (con questi ultimi due avevamo condiviso il palco del maschio angioino alla festa della musica) prova a portare in scena i propri pezzi originali. C’è stato spazio per ottima birra e ottimo cibo. Tutto organizzato alla perfezione. C’è stata rappresentazione di praticamente ogni genere del rock: progressive, punk, classic, pop rock, funky, classic metal, aor, thrash, tutto. Grazie all’organizzazione e a tutte le band intervenute! Rock on! Ci rivedremo!