Malaika – Live @Marcianise in Rock

Malaika. Malaika (angelo) è un brano musicale solare, allegro, in swahili, di larga diffusione popolare, l’equivalente, ad esempio, de “o sole mio”. Un giorno Il Corno, mi fece vedere un suo scatto fotografico, una donna africana di profilo. Era una giovane prostituta della Terra dei Fuochi. Guardava basso nel vuoto e, vuoi la fronte arrotondata, vuoi il naso leggermente verso l’alto, mi sembrò di vedere il Corno d’Africa, quella zona del centro Africa sull’Oceano Indiano. Pensai che forse stesse tornando con il pensiero e la fantasia al suo paese e che, come tutti quelli lontano da casa, cantasse in mente sua la sua “Malaika”, come gli emigranti partenopei in America cantavano “Santa Lucia Luntana”. La nostra Malaika, nakupenda Malaika (ti amo angelo) è più amara, è il ricordo di quel che non hai, di quella giovane schiava che, con tutta la dignità del mondo rimane in silenzio. Ma è anche riscatto: il nostro pezzo viene impreziosito dai versi di Lino Galiero recitati per l’occasione dall’attrice Tiziana T’irrito. Grazie.

Malaika (guardando una foto)

Sul tuo profilo vedo l’Africa
di terre e mari che ho
visto solo nei film al cinema
un bianco e nero retrò.

Deserti e set fatti in America,
Zebre di carta a uno show.
Colori finti e senza un’anima
che alla tua terra rubò.

Tu guardi il sole e vedi l’Africa
La terra a cui ti strappò,
quell’uomo a cui donasti l’anima
che al suolo la incatenò.

E nei tuoi sogni voli libera
Gioia il tuo viso sfiorò
Voci e profumi, rose ed erica
un canto a lei ti chiamò,

Oooh Malaika,
Nagupenda Malaika!
Oooh Malaika,
Nagupenda Malaika!

E un marciapiedi non è l’Africa
Ma scena di un fero show
Su un palco di benzina e musica,
C’è chi il tuo abbraccio comprò.

Non comprò invece la tua anima
La vita non è uno show
Io l’ho imparato da una lacrima
Impressa su una foto.

Oooh Malaika,
Nagupenda Malaika!
Oooh Malaika,
Nagupenda Malaika

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *