Purziella (Nu Polece) Live @Marcianise in Rock

“Essenno na vota lu re d’Automonte” Così inizia la novella di Giovan Battista Basile contenuta nel Pentamerone del 1635. Purziella la figlia del Re è promessa in sposa ad un orco il cui merito è stato l’indovinare a quale animale appartenesse la pelle conciata appesa nella sua sala del trono. Si trattava di una pulce cresciuta dal Re, impazzito dopo un morso dell’animale, come un figlio e divenuta enorme, grossa come un bue. Solo alla fine la nostra eroina riuscirà a liberarsi dalla prigionia del mostro. Ne proponiamo una nostra versione immagine dell’autodeterminazione femminile di tutte quelle donne che, presa in mano la propria vita, riescono a spezzare le catene delle consuetudini, dei retaggi, dalle tradizioni quando queste ultime diventano prigionia. La versione che vi proponiamo è stata eseguita live presso il Marcianise In Rock del 6 luglio 2018.

Purziella (‘O polece d’o Re d’Automonte) Pitwine tutti i diritti riservati – 2018

I
Ce steva no Rre
Nun ce steva a Riggina
Ce steva na figlia
Na stella ‘e matina
Purziella ‘a cchiù bbella
d’e stelle ca stanno cca

II
Essenno na vota
Lo Rre d’Automonte
Ca fuje muzzecato
A no polece nfronte
Veleno mpazzette
“Purziella s’adda spusà”

I B
Crescette lo polece
Comme a no figlio
Cchiù gruosso e nu puorco
Facea meraviglia
Ma pazzo‘o accerette
“Mia figlia s’adda spusà”

III
Chiammaje tutti a corte
Dieci uommene e n’uorco
Appesa lo cuojero
De lo polece muorto
Chi dice che bestia sia chesta
Sa po’spusà.
II B
Nu gatto mammone,
nu lupo Cerviere
Ogniuno diceva na cosa a piacere
Ma l’uorco anduvina
“Purziella tu me ll’ja da”
I C
Povera me
Je so niente pe patemo o Rre
Priggiuniera de st’uorco
Me ra a magnà e muorte
Ca isso squarta pe mme.
II C
Oooh! So Purziella e dint’o bosco sto
Si quaccuno me sente
Mmiezo a sta ggente
Avesse pietà de me.
IV
Na vecchia segnora
Cu o bbene int’o core
Sentenno stu chianto
E Purziella d’incanto
Ce Jette e dicette
“Figlia mia t’aggia ajutà”
V
Tengo sette figlie
Ca so meraviglia
Maso Sente o viento
Nardo mare e sapone
Cola fa e rasure comme ogne e lione
III B
E Micco fa o bosco
Petrullo nu ciummo
Ascàdeo na torre cchiù auta d’o munno
Cu chesta putenza dimane te può salvà
III C
OOOOh So Purziella e aspettanno Je sto
Si me salva sta ggente
Tant’oro e argiento
Je certo lle darò.
IV C
Bene a mme
Si ripenzo a pateme o Rre
Pe nu police mpazzette
Na figlia perdette
Stanotte vola cu tte
VI
E dinto a la stanza
Qual falco e speranzia
Trasette nu figlio
E Je meraviglia
Venette a piglià
E nuje stevemo fore a lla
VII
Currenno a cavallo
Fujenno d’a valle
Ma ll’uorco dduje passe
Ce steva a ridosso
Sta femmena è a mia
Viva nun restarrà.
IVB
Cu e llame e cu ll’acqua
Cu e frecce cumbatte
A capa e chill’uorco
Cu e prete se schiatta
Purziella mo è libbera
E a casa essa po’ turnà
V C
Bene a mme
So a rigina d’o Regno d’o Rre
Chistu sanghe ca scorre
E’passione ca corre
Ma nisciuno a scigliuto pe mme
VI C
Ooh canto e ballo e cuntenta je sto
Chesta stella e matina
Turnata è Riggina
Nun è cchiù sola a figlia d’o RRe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *